Riaprono le Frontiere Croate e La Navigazione

Navigare in Croazia da oggi è possibile, cadono anche gli ultimi veti e la Croazia apre le dogane anche marittime ai diportisti Italiani senza più l’obbligo della prenotazione in un marina locale.

navigare-in-croazia-2020-da-oggi-si-puo

Questo 2020 ci regala quindi la possibilità (almeno a chi naviga abitualmente in Adriatico) di attraversare anche quest’anno ma a quali condizioni?

Andare in Croazia con la Barca nel 2020 Cosa Serve

Per navigare in Croazia nel 2020 serve la patente nautica che è obbligatoria per tutti i natanti che abbiano un motore, anche di potenza minima e questa è la prima cosa da tenere bene a mente, chi ha una patente nautica valida rilasciata dal paese di provenienza, non avrà bisogno d’altro essendo la patente valida anche in Croazia. Per chi non ne sia munito perché magari non prevista nel paese d’origine vengono organizzati degli esami formali nelle Capitanerie di porto in loco dopo i quali viene rilasciata una patente valida in Croazia.

Altra normativa classica ma che è bene ricordare per navigare in Croazia, all’arrivo recarsi prima possibile nella capitaneria di porto più vicina per fare dogana, a questo fine segnaliamo i luoghi che ne sono dotati: Umag, Porec, Rovinj, Pula, Rasa-Brsica, Rijeka, Mali Losinj, Senj, Zadar, Sibenik, Split, Ploce, Metkovic, Korcula, Dubrovnik; Più le Capitanerie di porto stagionali (aperte da 1/4 a 30/10): Novigrad, Sali (Dugi Otok), Bozava, Ubli (Lastovo), Tisno (Murter), Komiza (Vis), Vis, Hvar.

Elenco documenti necessari per navigare in Croazia 2020, chi desidera passare le vacanze in Croazia trova tutta la lista dei documenti e delle tasse applicate sulle imbarcazioni da questo paese a questo link. Tutto qui dunque? No

Sorveglianza Sanitaria

Vista la dichiarazione dell’Organizzazione Mondiale di Sanità di stato di pandemia da Covid-19, tenuto conto dell’art. 43 (misure sanitarie supplementari) del Regolamento Sanitario Internazionale, visto il DPCM 17/5/2020, Art. 6, che ha previsto la riapertura delle frontiere da paesi UE, dell’area Schengen, Gran Bretagna e Irlanda del nord, Andorra e Principato di Monaco, repubblica di SanMarino e Stato della Città del Vaticano, valutata l’esigenza di garantire l’opportuna sorveglianza sanitaria anche sul naviglio da diporto, dispone che:

Fino alla cessazione della pandemia Covid-19, che i comandanti delle imbarcazioni da diporto di lunghezza inferiore ai 24 metri, provenienti da porti nazionali e che abbiano effettuato una navigazione superiore alle 6 ore, o provenienti da porti di paesi stranieri tra quelli ricompresi nell’Art.6 del DPCM 17/5/2020 compilino l’allegata dichiarazione marittima di sanità per il diporto e la trasmettano via email, o con altro mezzo, all’ufficio di sanità marittima competente.

Questo l’inizio del testo della dichiarazione scaricabile QUI che il comandante deve far pervenire via email, o con altro mezzo, all’ufficio di sanità marittima competente. Navigare in Croazia quest’anno sarà anche questo, niente di complicato comunque semplicemente un modulo da inviare per mail e per cui vale la regola del silenzio-assenso ovvero se non Vi rispondono la domanda è da considerarsi accettata.

isole incoronate croazia

I Luoghi da Visitare in Croazia

Non possiedi un imbarcazione di proprietà? Nessun problema, per navigare in Croazia in questo 2020 puoi noleggiarla in loco, il clima mite e mediterraneo della Croazia permette di navigare sopratutto tra le isole tutto l’anno anche se il periodo migliore è quello tra maggio e ottobre.

Uno dei paradisi da visitare senz’altro per primo per chi non ha mai potuto navigare in Croazia è il Parco Nazionale delle Isole Incoronate, formato da più di 140 isole e isolotti perlopiù compresi nell’area del parco offre sempre ridossi e baie incantate, è un pardiso visitabile anche con imbarcazioni molto piccole date le brevi tratte di navigazione che ci sono tra un isola e l’altra.

Le Isole Incoronate sono un ottimo ridosso che protegge sia dal vento che dalle onde le imbarcazioni che le percorrono e terminano verso il largo con scogliere a picco sul mare, definite da alcuni la Polinesia del mare Adriatico sono di una bellezza incantevole tanto che si dice che Dio terminata la creazione volle “incoronare” il Suo lavoro creando questa meraviglia, più semplicemente si chiamano così per via dell’aspetto a picco delle falesie sul mare che sembrano delle vere e proprie “corone”.

Navigare in Croazia in questo 2020 quindi sarà possibile anche con imbarcazioni carrellabili se si proviene da terra e se si scelgono luoghi come questo che consentono di navigare anche con condizioni meteo moderatamente avverse, o attraversando l’Adriatico con barche più grandi.

Le incoronate sono tante da visitare e sono quindi un interessante meta da ripercorrere negli anni in cerca sempre di posti nuovi che non si è riusciti a visitare l’anno precedente, trovate tutte le informazioni sul parco delle Incoronate e sui suoi regolamente sul sito croaziainfo.it.

L’Uscita dalla Croazia

L’uscita dalla Croazia in barca proprio come per l’entrata và effettuata nella capitaneria più vicina e dopo aver completato le pratiche vanno abbandonate subito le acque nazionali croate dirigendosi verso il LARGO. Ci teniamo ad evidenziare questo metodo perchè negli ultimi anni sono stati diversi i diportisti multati nelle acque territoriali perchè dopo aver fatto l’uscita costeggiavano o restavano comunque all’interno del limite.

Sempre in tema di multe non dimentichiamo che in Croazia NON si può pescare se non pagando un permesso e che la bandiera Croata (paese ospitante) và fissata sull’imbarcazione SOPRA a quella Italiana se si proviene dall’Italia. Anche questo a dato spesso adito a fastidiose per quanto corrette multe a diversi diportisti poco accorti.

Anche per questo 2020 quindi riusciremo a navigare in barca in Croazia e ad attraversare l’Adriatico per tornare in questo luogo meraviglioso che, per chi c’è già stato, è un appuntamento che non si può mancare e per chi non lo ha mai visto un emozione unica.

Tramonti Croati